Via Casa Bedato, 8 Mocogno di Lama Mocogno (Mo)

La nostra esperienza di accoglienza ed ospitalità

Come viviamo le prenotazioni su Booking.com
Copper Hill has belonged to the Williams since 1826

Nana’s vinyard summers

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Donec quam felis, ultricies nec, pellentesque eu, pretium quis, sem. Nulla consequat massa quis enim. Donec pede justo, fringilla vel, aliquet nec, vulputate eget, arcu. In enim justo, rhoncus ut, imperdiet a, venenatis vitae, justo.

Come abbiamo iniziato

Quando una struttura turistica, soprattutto piccola come la nostra, decide di iniziare una collaborazione con una OTA (Online Travel Agency) si aspetta che questa OTA, questo portale, collabori con la struttura stessa per promuoverla e quindi per procurarle più clienti. Il ragionamento di partenza dovrebbe essere simile a quello che sta alla base dei rapporti tra una struttura turistica ed una agenzia di viaggi tradizionale: si fa un accordo, l’agenzia promuove la struttura, “procura” clienti e riceve in cambio una commissione sul venduto. Semplice, pulito e logico. Un’agenzia di viaggi non può promuovere tutte le strutture di una data area, fa una selezione, e se faccio un accordo con quell’agenzia, che promuoverà la mia struttura, ne otterremo vantaggi entrambi. Facendo le debite proporzioni, anche una OTA dovrebbe comportarsi in modo simile, no? Certo, le strutture che promuove per una data area sono in numero maggiore, ma anche i contatti con i potenziali clienti sono maggiori, tutto sommato parrebbe meglio esserci che “non esserci”. Così quando una di queste OTA promuove la sua presenza su (ad esempio) Google per ricerche come “agriturismo umbria” appare ai primi posti e quindi  noi, suoi partner, possiamo essere presentati ai potenziali clienti.
Uhm .. non è proprio sempre così.

Ad esempio Booking.com acquista spazi pubblicitari (adwords) su Google per apparire al primo posto quando qualcuno cerca il nome di una struttura, ovviamente di una struttura di quelle che fanno parte del suo portale. Così se un cliente conosce già il nome del mio Agriturismo e mi cerca su Google, il primo link in alto che gli appare è proprio quello di Booking.com che, con un fantasmagorico “miglior prezzo garantito” incentiva il cliente ad andare su Booking.com invece che visitare il mio sito, che appare inesorabilmente al secondo posto. Cioè, in pratica, vengono fatte inserzioni pubblicitarie NON per promuovere le strutture presso clienti che ancora non le conoscono, ma per intercettare le ricerche di chi già conosce una struttura e ne sta cercando il nome e/o il sito web. Quindi il cliente finisce sul sito di Booking.com, magari prenota, e la struttura paga una commissione per un cliente che sarebbe comunque arrivato al suo sito, perchè ne stava già cercando l’indirizzo internet. Bello, no?

Certo, la struttura potrebbe sempre pagare Google per fare “concorrenza” a Booking.com ed apparire anch’essa al primo posto nei risultati delle ricerche, ma … ha senso? Dovrebbe cioè pagare per vedere riconosciuto il diritto ad essere trovata su Google quando qualcuno cerca esattamente il suo nome, per evitare che altri che pagano di più appaiano al primo posto, ha senso? Secondo noi .. no, non ne ha. E’ legale il loro comportamento? Molto probabilmente lo è, di sicuro una schiera di avvocati e di legali ha garantito che il loro comportamento sia impeccabile, magari qualche clausola nel contratto, scritta con caratteri farmaceutici, li autorizza a farlo, ma noi non potremo mai competere con la potenza economica di portali della dimensione di Booking.com o similari, e quindi preferiamo lasciar perdere.  Auguri!

Anche perchè questi anni di presenza su diverse OTA ci hanno ormai convinto che le OTA non siano il posto più adatto a promuovere un Agriturismo, specialmente un Agriturismo “vero” come il nostro. Non pare anche a voi che su questi portali le strutture si assomiglino tutte, che sembrino tutte uguali, e che alla fine l’unica differenza sia il prezzo? Come può un Agriturismo spiegare le cose che lo rendono diverso da un hotel o da una struttura “nel verde”? Mi spiego meglio con un esempio: se voi decidete di andare a visitare Firenze, o Bonn, o Peschici avete di sicuro bisogno di un posto dove alloggiare. A seconda dei vostri gusti, e del vostro budget, potete indirizzarvi verso un albergo, o un B&B od una pensione, più o meno vicini al centro a seconda della vostra possibilità di spesa. Ma il “motivo” della vostra decisione di prenotare una qualunque di queste strutture turistiche è dato dal fatto che avete deciso di visitare Firenze, Bonn, o Peschici, ma NON la struttura turistica. Ecco, per un Agriturismo è esattamente l’opposto, l’Agriturismo è “il motivo” della vostra visita, non semplicemente un posto dove alloggiare. Voi scegliete di andare in un certo Agriturismo perchè state cercando un’esperienza in un Agriturismo o perchè vi fa piacere quel tipo di vita, anche se solo per un giorno, di certo non lo scegliete solo come un posto dove alloggiare per la notte. Ecco, spiegare e presentare queste differenze su un OTA non è possibile, tutto è appiattito, banalizzato, .. “uguale”!

E voi, clienti, anche se conoscete già cosa sia un agriturismo, come fate ad essere sicuri che quello che vi viene presentato sul portale lo sia davvero? Basandovi su una descrizione di “non più di 1000 caratteri” e “non più di 12 foto”? E’ solo un esempio, certo, ma non è molto distante dalla realtà per molti dei portali che conosco. Alcuni portali consentono ai clienti di lasciare recensioni, il che è una cosa bella che aiuta a capire e conoscere la struttura che si vorrebbe visitare, ma altrettanti portali non consentono ai proprietari di replicare, e quindi vi perdete “l’altra campana” e non potete farsi un’idea chiara. Anche sapere come un proprietario di struttura risponda alla opinione negativa di un suo cliente secondo noi è molto importante, vi permette di farvi un’idea migliore delle persone presso cui andrete a passare uno o più giorni.

Tending guests has always been the business of our family
Mixing tradition with fresh influences and a homey atmosphere

Our Promise

We only put our trust in providers who deliver fresh, sustainable and organic products.
Marie Williams, Chef

Our Philosophy


We follow a holistic approach from crop to table

Fresh ingredients


Quando una struttura turistica, soprattutto piccola come la nostra, decide di iniziare una collaborazione con una OTA (Online Travel Agency) si aspetta che questa OTA, questo portale, collabori con la struttura stessa per promuoverla e quindi per procurarle più clienti. Il ragionamento di partenza dovrebbe essere simile a quello che sta alla base dei rapporti tra una struttura turistica ed una agenzia di viaggi tradizionale: si fa un accordo, l’agenzia promuove la struttura, “procura” clienti e riceve in cambio una commissione sul venduto. Semplice, pulito e logico. Un’agenzia di viaggi non può promuovere tutte le strutture di una data area, fa una selezione, e se faccio un accordo con quell’agenzia, che promuoverà la mia struttura, ne otterremo vantaggi entrambi. Facendo le debite proporzioni, anche una OTA dovrebbe comportarsi in modo simile, no? Certo, le strutture che promuove per una data area sono in numero maggiore, ma anche i contatti con i potenziali clienti sono maggiori, tutto sommato parrebbe meglio esserci che “non esserci”. Così quando una di queste OTA promuove la sua presenza su (ad esempio) Google per ricerche come “agriturismo umbria” appare ai primi posti e quindi  noi, suoi partner, possiamo essere presentati ai potenziali clienti.
Uhm .. non è proprio sempre così.

Ad esempio Booking.com acquista spazi pubblicitari (adwords) su Google per apparire al primo posto quando qualcuno cerca il nome di una struttura, ovviamente di una struttura di quelle che fanno parte del suo portale. Così se un cliente conosce già il nome del mio Agriturismo e mi cerca su Google, il primo link in alto che gli appare è proprio quello di Booking.com che, con un fantasmagorico “miglior prezzo garantito” incentiva il cliente ad andare su Booking.com invece che visitare il mio sito, che appare inesorabilmente al secondo posto. Cioè, in pratica, vengono fatte inserzioni pubblicitarie NON per promuovere le strutture presso clienti che ancora non le conoscono, ma per intercettare le ricerche di chi già conosce una struttura e ne sta cercando il nome e/o il sito web. Quindi il cliente finisce sul sito di Booking.com, magari prenota, e la struttura paga una commissione per un cliente che sarebbe comunque arrivato al suo sito, perchè ne stava già cercando l’indirizzo internet. Bello, no?

Certo, la struttura potrebbe sempre pagare Google per fare “concorrenza” a Booking.com ed apparire anch’essa al primo posto nei risultati delle ricerche, ma … ha senso? Dovrebbe cioè pagare per vedere riconosciuto il diritto ad essere trovata su Google quando qualcuno cerca esattamente il suo nome, per evitare che altri che pagano di più appaiano al primo posto, ha senso? Secondo noi .. no, non ne ha. E’ legale il loro comportamento? Molto probabilmente lo è, di sicuro una schiera di avvocati e di legali ha garantito che il loro comportamento sia impeccabile, magari qualche clausola nel contratto, scritta con caratteri farmaceutici, li autorizza a farlo, ma noi non potremo mai competere con la potenza economica di portali della dimensione di Booking.com o similari, e quindi preferiamo lasciar perdere.  Auguri!

Anche perchè questi anni di presenza su diverse OTA ci hanno ormai convinto che le OTA non siano il posto più adatto a promuovere un Agriturismo, specialmente un Agriturismo “vero” come il nostro. Non pare anche a voi che su questi portali le strutture si assomiglino tutte, che sembrino tutte uguali, e che alla fine l’unica differenza sia il prezzo? Come può un Agriturismo spiegare le cose che lo rendono diverso da un hotel o da una struttura “nel verde”? Mi spiego meglio con un esempio: se voi decidete di andare a visitare Firenze, o Bonn, o Peschici avete di sicuro bisogno di un posto dove alloggiare. A seconda dei vostri gusti, e del vostro budget, potete indirizzarvi verso un albergo, o un B&B od una pensione, più o meno vicini al centro a seconda della vostra possibilità di spesa. Ma il “motivo” della vostra decisione di prenotare una qualunque di queste strutture turistiche è dato dal fatto che avete deciso di visitare Firenze, Bonn, o Peschici, ma NON la struttura turistica. Ecco, per un Agriturismo è esattamente l’opposto, l’Agriturismo è “il motivo” della vostra visita, non semplicemente un posto dove alloggiare. Voi scegliete di andare in un certo Agriturismo perchè state cercando un’esperienza in un Agriturismo o perchè vi fa piacere quel tipo di vita, anche se solo per un giorno, di certo non lo scegliete solo come un posto dove alloggiare per la notte. Ecco, spiegare e presentare queste differenze su un OTA non è possibile, tutto è appiattito, banalizzato, .. “uguale”!

E voi, clienti, anche se conoscete già cosa sia un agriturismo, come fate ad essere sicuri che quello che vi viene presentato sul portale lo sia davvero? Basandovi su una descrizione di “non più di 1000 caratteri” e “non più di 12 foto”? E’ solo un esempio, certo, ma non è molto distante dalla realtà per molti dei portali che conosco. Alcuni portali consentono ai clienti di lasciare recensioni, il che è una cosa bella che aiuta a capire e conoscere la struttura che si vorrebbe visitare, ma altrettanti portali non consentono ai proprietari di replicare, e quindi vi perdete “l’altra campana” e non potete farsi un’idea chiara. Anche sapere come un proprietario di struttura risponda alla opinione negativa di un suo cliente secondo noi è molto importante, vi permette di farvi un’idea migliore delle persone presso cui andrete a passare uno o più giorni.

Homemade


Quando una struttura turistica, soprattutto piccola come la nostra, decide di iniziare una collaborazione con una OTA (Online Travel Agency) si aspetta che questa OTA, questo portale, collabori con la struttura stessa per promuoverla e quindi per procurarle più clienti. Il ragionamento di partenza dovrebbe essere simile a quello che sta alla base dei rapporti tra una struttura turistica ed una agenzia di viaggi tradizionale: si fa un accordo, l’agenzia promuove la struttura, “procura” clienti e riceve in cambio una commissione sul venduto. Semplice, pulito e logico. Un’agenzia di viaggi non può promuovere tutte le strutture di una data area, fa una selezione, e se faccio un accordo con quell’agenzia, che promuoverà la mia struttura, ne otterremo vantaggi entrambi. Facendo le debite proporzioni, anche una OTA dovrebbe comportarsi in modo simile, no? Certo, le strutture che promuove per una data area sono in numero maggiore, ma anche i contatti con i potenziali clienti sono maggiori, tutto sommato parrebbe meglio esserci che “non esserci”. Così quando una di queste OTA promuove la sua presenza su (ad esempio) Google per ricerche come “agriturismo umbria” appare ai primi posti e quindi  noi, suoi partner, possiamo essere presentati ai potenziali clienti.
Uhm .. non è proprio sempre così.

Ad esempio Booking.com acquista spazi pubblicitari (adwords) su Google per apparire al primo posto quando qualcuno cerca il nome di una struttura, ovviamente di una struttura di quelle che fanno parte del suo portale. Così se un cliente conosce già il nome del mio Agriturismo e mi cerca su Google, il primo link in alto che gli appare è proprio quello di Booking.com che, con un fantasmagorico “miglior prezzo garantito” incentiva il cliente ad andare su Booking.com invece che visitare il mio sito, che appare inesorabilmente al secondo posto. Cioè, in pratica, vengono fatte inserzioni pubblicitarie NON per promuovere le strutture presso clienti che ancora non le conoscono, ma per intercettare le ricerche di chi già conosce una struttura e ne sta cercando il nome e/o il sito web. Quindi il cliente finisce sul sito di Booking.com, magari prenota, e la struttura paga una commissione per un cliente che sarebbe comunque arrivato al suo sito, perchè ne stava già cercando l’indirizzo internet. Bello, no?

Certo, la struttura potrebbe sempre pagare Google per fare “concorrenza” a Booking.com ed apparire anch’essa al primo posto nei risultati delle ricerche, ma … ha senso? Dovrebbe cioè pagare per vedere riconosciuto il diritto ad essere trovata su Google quando qualcuno cerca esattamente il suo nome, per evitare che altri che pagano di più appaiano al primo posto, ha senso? Secondo noi .. no, non ne ha. E’ legale il loro comportamento? Molto probabilmente lo è, di sicuro una schiera di avvocati e di legali ha garantito che il loro comportamento sia impeccabile, magari qualche clausola nel contratto, scritta con caratteri farmaceutici, li autorizza a farlo, ma noi non potremo mai competere con la potenza economica di portali della dimensione di Booking.com o similari, e quindi preferiamo lasciar perdere.  Auguri!

Anche perchè questi anni di presenza su diverse OTA ci hanno ormai convinto che le OTA non siano il posto più adatto a promuovere un Agriturismo, specialmente un Agriturismo “vero” come il nostro. Non pare anche a voi che su questi portali le strutture si assomiglino tutte, che sembrino tutte uguali, e che alla fine l’unica differenza sia il prezzo? Come può un Agriturismo spiegare le cose che lo rendono diverso da un hotel o da una struttura “nel verde”? Mi spiego meglio con un esempio: se voi decidete di andare a visitare Firenze, o Bonn, o Peschici avete di sicuro bisogno di un posto dove alloggiare. A seconda dei vostri gusti, e del vostro budget, potete indirizzarvi verso un albergo, o un B&B od una pensione, più o meno vicini al centro a seconda della vostra possibilità di spesa. Ma il “motivo” della vostra decisione di prenotare una qualunque di queste strutture turistiche è dato dal fatto che avete deciso di visitare Firenze, Bonn, o Peschici, ma NON la struttura turistica. Ecco, per un Agriturismo è esattamente l’opposto, l’Agriturismo è “il motivo” della vostra visita, non semplicemente un posto dove alloggiare. Voi scegliete di andare in un certo Agriturismo perchè state cercando un’esperienza in un Agriturismo o perchè vi fa piacere quel tipo di vita, anche se solo per un giorno, di certo non lo scegliete solo come un posto dove alloggiare per la notte. Ecco, spiegare e presentare queste differenze su un OTA non è possibile, tutto è appiattito, banalizzato, .. “uguale”!

E voi, clienti, anche se conoscete già cosa sia un agriturismo, come fate ad essere sicuri che quello che vi viene presentato sul portale lo sia davvero? Basandovi su una descrizione di “non più di 1000 caratteri” e “non più di 12 foto”? E’ solo un esempio, certo, ma non è molto distante dalla realtà per molti dei portali che conosco. Alcuni portali consentono ai clienti di lasciare recensioni, il che è una cosa bella che aiuta a capire e conoscere la struttura che si vorrebbe visitare, ma altrettanti portali non consentono ai proprietari di replicare, e quindi vi perdete “l’altra campana” e non potete farsi un’idea chiara. Anche sapere come un proprietario di struttura risponda alla opinione negativa di un suo cliente secondo noi è molto importante, vi permette di farvi un’idea migliore delle persone presso cui andrete a passare uno o più giorni.

Premium Quality


Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa.

The lady of the house

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus.

Nulla consequat massa quis enim. Donec pede justo, fringilla vel, aliquet nec, vulputate eget, arcu. In enim justo, rhoncus ut, imperdiet a, venenatis vitae, justo. Nullam dictum felis eu pede mollis pretium. Integer tincidunt. Cras dapibus. Vivamus elementum semper nisi. Aenean vulputate eleifend tellus. Aenean leo ligula, porttitor eu, consequat vitae, eleifend ac, enim. Aliquam lorem ante, dapibus in, viverra quis, feugiat a, tellus.

Chef Marie Williams

Make a reservation

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor.
Or call us directly +44 (0)555 555 5555

      QUESTO è IMPORTANTE ALTRIMENTI NON POSSIAMO INVIARTI COMUNICAZIONI :-) Ho letto e accettato l'Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 196/03. Leggi informativa completa

    BioFattoria Cà d’Pignat

    Luogo di rigenerazione umana

    Coordinate Navigatore

    X 635937 Y 4907177
    Via Casa Bedato, 8 Mocogno di Lama Mocogno  (Mo)

    Orari

    Solo su prenotazione: 3385873486 dal Venerdì sera, Sabato e Domenica o su vostra fantasia per iniziative, gite, matrimoni, ecc.