Via Casa Bedato, 8 Mocogno di Lama Mocogno (Mo)

Come apprezzare il NON stiro in fattoria

Indossare gli abiti senza stirarli, la nuova sfida del web che fa bene all’ambiente #iononstiro

Probabilmente tanti di voi già da tempo hanno abbandonato nello sgabuzzino il ferro da stiro, oggetto da tirare fuori solo nelle occasioni importanti. Sono ancora numerose però le persone che stirano con una certa frequenza e proprio per convincerle a smettere subito (o quanto meno a ridurre) è nata la campagna #iononstiro che sta diventando virale sul web.

In realtà l’idea è nata in Colombia già lo scorso anno ma è tornata ora popolare visto che l’argomento risparmio energetico è più che mai attuale. La campagna propone quindi di fare un piccolo ma importante gesto a favore dell’ambiente, appunto quello di ridurre (o eliminare del tutto) l’uso del ferro da stiro.

In effetti non ci pensiamo, ma ogni volta che stiriamo utilizziamo energia e in molti casi questo non è affatto necessario. Ci rendiamo responsabili quindi di un certo spreco oltre che dell’emissione di gas inquinanti nell’atmosfera. Indossare abiti non proprio perfetti può diventare quindi un sistema concreto per dare il nostro piccolo contributo per la tutela del pianeta.

Naturalmente la campagna ha raccolto molti consensi ma anche qualche critica da chi proprio non riesce a concepire l’idea di uscire indossando abiti non stirati (considerando questo un gesto di poco rispetto verso se stessi o gli altri). C’è poi chi ritiene il non stirare un mezzo non davvero risolutivo per ridurre il consumo energetico e di conseguenza le emissioni.

In effetti però, se ci pensiamo, l’idea di avere abiti stirati è qualcosa che è strettamente legato alla cultura e alla moda. Ora però, diversi marchi noti, hanno lanciato capi di abbigliamento volutamente stropicciati, di conseguenza dovremmo evitare di farci troppi problemi anche quando usciamo con magliette e pantaloni “naturalmente stropicciati” perchè abbiamo scelto di non stirare per motivi ambientali o anche solo per mancanza di tempo o voglia.

stop-stirare

Tra l’altro esistono diverse strategie per non andare in giro completamente sgualciti e, allo stesso tempo, non sprecare l’energia (e il tempo) che richiede stirare. Primo consiglio utile è quello di stendere bene, appendendo magliette, pantaloni e gonne su grucce o stampelle, avendo prima cura di sbattere bene gli indumenti in modo da togliere le pieghe formate con il lavaggio. Altri consigli utili li trovate qui.

Coloro che per primi hanno promosso la campagna contro l’uso del ferro, sottolineano che non stirare per un anno equivale a piantare sette alberi o ad avere sette veicoli in meno in circolazione. Oltre a non sprecare energia, tra l’altro, si producono meno rifiuti come quelli dei contenitori di plastica dell’acqua distillata o degli spray e prodotti vari che si utilizzano per stirare più facilmente.

Ma non ci sono solo vantaggi in termini ecologici, pensiamo ad esempio a quello economico (stirare per un’ora costa almeno 2 euro ma spesso la spesa è più alta) o al guadagno in termini di tempo e salute. Vi abbiamo elencato i tanti vantaggi di smettere di stirare in un articolo e anche gli indumenti e le altre cose che è proprio inutile stirare.

Insomma, liberiamoci tutti dalla schiavitù del ferro da stiro: consumare meno energia è di gran moda! Partecipiamo alla campagna utilizzando l’hashtag #iononstiro

Leggi anche:

Indossare abiti non stirati: la nuova campagna contro il surriscaldamento globale

E’ la proposta provocatoria che arriva dalla Colombia da parte di sostenitori di campagne a difesa dell’ambiente.

 

È la proposta provocatoria che arriva dalla Colombia da parte dei sostenitori della difesa dell’ambiente.

Stirare i vestiti significa consumare energia elettrica e quindi inquinante per l’ambiente. Non usare il ferro da stiro potrebbe essere una buona mossa a tutela dell’ambiente.

Minor consumo energetico elettrico significa minor emissione di gas serra nell’atmosfera, pensiamo ad esempio alle centrali elettriche alimentate a combustibili fossili.

Alcuni reputano molto valida la campagna contro il ferro da stiro Si aggiunge inoltre che gli stereotipi imposti dall’industria della moda non aiutano di certo il superamento di alcuni limiti ambientali e l’inquinamento.

Fortunatamente, nell’evoluzione, ci sono già alcune marche che vendono capi di vestiario già stropicciati. Questo non toglie la rigidità di chi afferma che vi sono alcuni capi che per essere indossati hanno bisogno di essere stirati.

Un ragazzo giovane può anche permettersi di indossare abiti non stirati, ma un dirigente d’azienda a quanto pare NO. E probabilmente neppure una signora di una certa età.

Con questa campagna si sottolinea inoltre che, se in una casa per un anno non si stirano i vestiti, è come se si piantassero sette alberi o come se si togliessero dalla circolazione sette veicoli a motore.

 

Voi stirate? Neanch’io. Trovo che stirare sia utile e divertente quanto prendersi a martellate sui mignoli, e preferirei spalare letame piuttosto che toccare un ferro da stiro. Queste mie affermazioni vi sembreranno senza dubbio molto sensate, ma per mia mamma e mia nonna è una vera tragedia.

Invano hanno tentato di abituarmi, fin da piccola, a stirare indumenti e biancheria. Mi avevano comprato un ferro da stiro giocattolo, e quand’ero più grandicella mi avevano messo a stirare fazzoletti e asciugamani. Sono cresciuta con l’idea che stirare è una croce che bisogna portare. Nonostante ciò, non ho mai preso l’abitudine di stirare, e sapete perché? Per lo stesso motivo per cui voi (o molt* di voi) non lo fate: perché è inutile.

Una volta diventata studentessa universitaria fuori sede, insieme alla scoperta del funzionamento della lavatrice, è arrivata l’illuminazione: i miei vestiti erano assolutamente accettabili, pur non essendo stirati. Tempo mezz’ora, e mi si stiravano addosso. Chiaramente non porto camicie – non credo che per quelle funzioni – ma questo vale per tutto il resto. Il risultato è quasi lo stesso: perché perdere tempo per un’inezia simile? In ogni caso, ho pensato, se uno si ferma a osservare l’orlo dei jeans leggermente stropicciato, non ha proprio niente di meglio da fare.

Forte dei miei nuovi ideali, durante un finesettimana passato in famiglia ho parlato a mia madre, che si lamenta sempre del carico di roba da stirare. “Non stirare le mie cose”, le ho detto con vaga aria da benefattrice, “usa piuttosto quel tempo per leggerti un libro”. Impossibile convincerla della convenienza dello scambio. Stirare è un mito duro a morire!

Ma che cosa significa, stirare? Nella mia memoria di bambina, ha le sembianze di un rituale: il mucchio di biancheria stropicciata da una parte, il vapore caldo e soffocante in mezzo, la fatica e il sudore anche in piena estate, la radio o la tivù accesa, e la pila di cose candide, rigide, perfette, che si innalza sempre di più. Tutto deve essere pulito e stirato, e riposto in ordine nei cassetti.

C’è da dire che mia nonna, come ogni nonna, stirava letteralmente qualsiasi cosa: lenzuola, asciugamani, pigiami, canovacci, canottiere, mutande… dubito ci fosse qualcosa che non stirava. Ora, io capisco stirare una camicia o un vestito a pieghe, ma le mutande? Il pigiama? E i canovacci? Mi sembra comprensibile a chiunque che impiegare il tempo in questo modo sia uno spreco. Eppure questa abitudine è piuttosto diffusa; alle nostre madri è stata tramandata, e loro oggi sono schiacciate tra questo tipo di occupazioni casalinghe e il lavoro.

Mia nonna ritratta mentre stira le mutande: Henry Robert, "A Laundry Maid Ironing". 1765-82 ca, Tate Gallery.

Mia nonna ritratta mentre stira le mutande (o Henry Robert, “A Laundry Maid Ironing”. 1765-82 ca, Tate Gallery)

Quando mia mamma ha saputo che da anni nemmeno toccavo un ferro da stiro, è rimasta prima di tutto incredula, convinta che avessi trovato un metodo alternativo per stirare le cose. Alla scoperta della verità è seguita la preoccupazione per la propria reputazione: “Bella figura mi fai fare! Se vai in giro con i vestiti stropicciati, poi la gente pensa: ma che madre degenere ha quella ragazza!” E qui sono rimasta pietrificata. Avevo capito il perché di tutto quello zelo. Nella mente di mia madre, era ovvio che la donna di casa dovesse stirare gli indumenti di tutta la famiglia. E non solo: era su questo che si misurava la sua capacità di essere donna, moglie e madre, ed in questo era giudicabile a prima vista.
Mi sono tornate in mente le famose rivalità tra suocera e nuora, scenette sbiadite (ma non così lontane) in cui la suocera arriva in casa e controlla che le tende siano pulite e stirate, non ci sia polvere sui mobili, la perfezione degli abiti di tutta la famiglia. Era la donna la responsabile della presentabilità di ognuno, della pulizia e dell’ordine, e se non sapeva fare questo, beh, valeva poco.
Il campo d’azione dell’uomo erano invece i lavoretti di muratura e carpenteria, i lavori di trapano e avvitatura, riparazioni e costruzioni. (Perlomeno, però, l’uomo veniva scusato se era un professore, un medico, un avvocato, insomma un “intellettuale”.)

Non potevano esserci sovrapposizioni tra i due ruoli. Mi sono venute in mente le occhiate pietose rivolte all’uomo con la camicia stropicciata, unite all’esplicativo commento a mezza voce: “Ha divorziato, poverino…”. Già, poverino. All’annuncio che io non stiravo nulla, sia mia nonna che mia mamma (separatamente) mi hanno chiesto: “E con le camicie di tuo moroso, come farai, poverino?”. Alla mia ovvia risposta, “Beh, se vuole le camicie stirate, se le stirerà!” hanno entrambe riso scrollando le spalle, come a dire: tanto, quando si sposerà le toccherà mettersi in riga.

Lui può stirarmi quando vuole.

Lui può stirarmi quando vuole

Ma poi, cambia tanto non stirare i vestiti? Per mia esperienza, l’unica cosa che cambia è che gli abiti sono molto meno rovinati – a naso, passare un ferro rovente su un oggetto non gli fa bene. Forse cambia solo quel dettaglio che bisogna essere abituati a cogliere, quel dettaglio che rivela, grazie a un po’ di malizia negli occhi di chi guarda, se sei una persona ordinata o no. Ma come sappiamo, le apparenze sono solo apparenze, e possono esserci persone inaffidabili vestite di tutto punto. Vale la pena perdere tempo per assecondare le idee sbagliate di qualcuno?

Più ci penso, e più stirare mi sembra inutile: mi sembra quasi un’attività inventata apposta per perdere tempo. La casalinga, per definizione, è indaffarata: che succede quindi se non trova niente da fare? Deve provare ad attaccare la mensola in soggiorno? No, è una cosa da uomini, meglio stirare le mutande. E anche le canottiere, e le lenzuola. Inutile dire che fare qualsiasi altra cosa sarebbe ben più proficuo: leggere un libro, fare ginnastica, dipingere, suonare uno strumento… ma anche imparare a piantare una vite o aggiustare un lavandino non ucciderebbe, eh! Si dovrebbe imparare a fare un po’ di tutto in modo da potersi arrangiare, non fossilizzarsi su un’attività solo perché ci si aspetta che la si faccia in quanto uomo o in quanto donna.

Insomma, pensandoci su, il ferro da stiro è proprio il simbolo che racchiude tutto ciò che io non voglio essere. Nella mia testa, stirare è il simbolo del ruolo di genere che bisogna eliminare, un ruolo imposto, fatto tutto di attività che si fanno “perché sì” e non “perché lo voglio fare io”. Per me, stirare è palesemente inutile, un lavoro indotto dal timore del giudizio altrui e dal desiderio di mostrarsi (alla gente, alla famiglia, a se stessi) come una persona precisa e accurata… senza necessariamente esserlo. Più che un semplice lavoro da fare solo se strettamente necessario (vedi gonne appallottolate in fondo all’armadio), stirare è un’attività che è stata messa su un piedistallo. E ritengo il declino del mito dello stiro tra le giovani della nostra generazione un segnale bellissimo di rottura.

#infattorianonstirostirare_vita_troppo_breve


      QUESTO è IMPORTANTE ALTRIMENTI NON POSSIAMO INVIARTI COMUNICAZIONI :-) Ho letto e accettato l'Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 196/03. Leggi informativa completa

    BioFattoria Cà d’Pignat

    Luogo di rigenerazione umana

    Coordinate Navigatore

    X 635937 Y 4907177
    Via Casa Bedato, 8 Mocogno di Lama Mocogno  (Mo)

    Orari

    Solo su prenotazione: 3385873486 dal Venerdì sera, Sabato e Domenica o su vostra fantasia per iniziative, gite, matrimoni, ecc.